~ Benvenuti ~

…Il problema è trovare esattamente il punto di equilibrio tra niente e tutto.
Ana Blandiana

L’Invisibile Unicorno Rosa è una divinità satirica che si serve del paradosso per sottolineare le contraddizioni del teismo. Ma è anche, più semplicemente, un gruppo che nasce nell’estate 2012 dalla volontà di Jacopo Mordenti (tastiere, già Temple of Venus, Lotus) e Fabio Boila (basso, già Ninfa, Tangerine, Under Score) di lavorare a un progetto pensato specificamente per la dimensione live, all’interno del quale fare perno non sulla forma canzone, ma sull’improvvisazione per combinare i ritmi e i colori dell’elettronica con i ritmi e i colori del rock, senza perdere di vista una certa ballabilità. Dopo le prime esibizioni nell’orbita perugina , nella primavera 2014 entra a far parte del gruppo Gabriele Giovannini (chitarra, già Charlie hate the noise, Le gatte nell’armadio), consentendo un arricchimento dell’arrangiamento e dell’interplay. La serie di concerti fra 2014 e 2015 vede raffinarsi i meccanismi di improvvisazione, permettendo alla performance di non imporsi, ma di modellarsi sull’atmosfera del momento; l’elemento surreale di fondo viene visivamente accentuato. Gli estratti dei materiali via via registrati in sede di live sono resi disponibili su Youtube e SoundCloud, e condivisi via Facebook.
La primavera del 2015 vede l’uscita di “Tipo un flusso di coscienza”, il primo EP dell’Invisibile Unicorno Rosa, realizzato presso l’Urban Recording Studio.